Foresta di Rincine una foresta modello certificata.  La foresta di Rincine  sulla Montagna fiorentina ed Ersaf Lombardia, sono i due più recenti casi di verifica degli impatti positivi della gestione forestale responsabile sui servizi ecosistemici, come, ad esempio, il sequestro della CO2, i servizi ricreativi, turistici e di regolazione idrica.
Il complesso forestale di Rincine è già in possesso della doppia certificazione PEFC-FSC dal 2013 in relazione alla gestione forestale sostenibile, ed ha ottenuto adesso anche questo specifico riconoscimento grazie alle attività di valorizzazione dei servizi ‘ecosistemici’.  Un bollino verde per i benefici ecologici.

I dati della foresta modello

I dati sono significativi: nella foresta di Rincine oltre 650.000 le tonnellate di CO2 assorbite ogni anno. Tutto grazie alle attività di buona gestione che hanno consentito il corretto sviluppo dei boschi e hanno ridotto i rischi (es: incendio, danni da vento, ecc.). Inoltre sono state mantenute e conservate aree di importanza per attività turistico- ricreative.  Aree e piazzole di sosta sono strutture che sono parte del tessuto storico e tradizionale del territorio e la valorizzazione di punti panoramici, sentieri e aree di sosta mediante l’installazione di arredi, segnaletica, cartellonistica divulgativa, punti d’acqua a disposizione della collettività fanno di questa foresta un patrimonio per la comunità.

Londa e il suo lago sulle cui rive si svolge la festa della Pesca Regina di Londa

Tanti i servizi per tutta la comunità

La valorizzazione dei servizi offerti dal bosco rappresenta uno strumento efficace per far comprendere a tutti i cittadini la molteplicità delle funzioni svolte dalle foreste, e un modo per dimostrare come la gestione forestale attiva possa esaltare tali funzioni a beneficio di tutta la comunità, locale e globale in un’area
.

????

La Regione Toscana è la proprietaria  del complesso forestale di Rincine esteso su 1.448 ettari,  che ne ha affidato la gestione all’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve. Il Complesso è, inoltre, la sede della “Foresta Modello delle Montagne Fiorentine”, ed è la prima e per ora unica realtà italiana accreditata da questa rete internazionale il cui primo obiettivo è quello di adottare pratiche di gestione forestale sostenibile, promuovendo aspetti come la difesa e tutela del suolo e dell’assetto idrogeologico, dell’ambiente, del paesaggio e delle risorse di particolare interesse naturalistico, culturale e storico; della biodiversità e la protezione , della flora e della fauna. Inoltre il lavoro dell’Unione mira alla promozione economica e sociale dell’uso del bosco, favorendo attività ricreativo-culturali, insieme allo sviluppo delle attività di trasformazione del legno e valorizzazione dei prodotti non legnosi e secondari del bosco. (LEGGI IL NOSTRO ARTICOLO SUL PAESE ALLE PORTE DELLA MONTAGNA FIORENTINA) o Guarda il video

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto