L Il Puanina tour è l’immersione totale in uno spazio fortemente identitario, di storie e tradizioni che parlano di multicultura. Una montagna poco nota dove il vivere lento non è soltanto un bello slogan pubblicitario.

Un viaggio per chi vuole scoprire l’autenticità della montagna italiana. Una montagna fatta di storie e culture diverse che affondano le origini nel Medioevo è consigliabile visitare la Valcanale.
Siamo in Friuli Venezia Giulia, all’estremo nord est del confine nazionale, a due passi da Austria e Slvoenia.


Ugovizza(Ukve in sloveno, Uggowitz in tedesco e Ugovize in friulano)

A pochi chilometri c’è Tarvisio, graziosa cittadina di confine crocevia (una volta blindato) fra est e ovest. Famosa per la sua foresta millenaria (LEGGI) , le sue tante piste da sci, la sua scuola di  sleddog e il suo celebre mercato.

Ugovizza e l’anello nel bosco

Ugovizza(Ukve in sloveno, Uggowitz in tedesco e Ugovize in friulano) è una piccola cittadina di montagna da cui si parte alla scoperta delle Puanine delle Alpi Giulie.
Dal suo delizio centro storico, minuscolo ma curatissimo fra ponticelli in legno e tanti fiori alle finestre delle casette basse coi tetti spioventi, parte, ben segnalato il percorso trekking recentemente istituito chiamato “Puanine Tour”.

Alpi Giulie

Cosa sono le puanine

Cosa sono le Puanine vi domanderete? L’equivalente locale delle malghe. Siamo del resto, come avete intuito dal nome stesso della cittadina che si declina in quattro lingue diverse in una zona unica d’Italia per una particolarità.
Qui convivono pacificamente, unico esempio in Europa, popolazioni di ceppi diversi: neolatino, slavo e germanico e ognuna di esse mantiene oltre alle sue caratteristiche e le sue tradizioni le sue lingue. La situazione linguistica di Ugovizza è rarissima ed è l’espressione alla massima potenza del plurilinguismo.

La dove si parlano 7 lingue

Qui oltre a parlarsi le tre lingue dei tre ceppi (italiano, tedesco e slavo) si parla comunemente anche la lingua friulana, un dialetto sloveno, uno tedesco carinziano, e dialetti italiani di altre regioni.
In poche parole ogni abitante di Ugovizza parla correttamente da un minimo di due lingue (esempio italiano e un idioma locale) a un massimo di sette (dialetto sloveno, dialetto tedesco, friulano, italiano, dialetti italiani di altre regioni, sloveno standard, tedesco standard) e anche nelle scuole materne ed elementari si insegna: italiano, tedesco e sloveno.

Il Puanina Tour è un percorso ad anello che esalta questi caratteri unici di antiche tradizioni, vita contadina e rapporti secolari con la foresta.
Il sentiero tematico conduce sull’Alpe di Ugovizza passando per foreste verdissime e pascoli dove il bestiame è allevato nel rispetto della natura e del passato.

Lungo tutto il percorso la cartellonista ben segnalata vi condurrà alla scoperta di rifugi e agriturismo sparsi sull’Alpe.
Non solo un trekking di montagna ma un percorso che conduce alla scoperta di un angolo magico d’Italia dove si vive nella natura, si pascola cantando stornelli in lingue diverse, si scopre gusti di piatti antichi e dimenticati.

Tutto a base d’erbe

Da provare le torte salate con le erbe delle radure e del bosco; il formaggio latteria declinato nelle varie stagionature e le torte, sempre freschissime, con i frutti del bosco e del sottobosco.

Dormire sull’albero

Per chi vuole ancora di più e ama le emozioni il consiglio è, in località Malga Priù, di trascorrere almeno una notte in una casetta a forma di pigna che si trova nel bosco a dieci metri di altezza. Un’opera unica nel genere dal nome evocativo di Tree Houses creata dall’architetto Claudio Beltrame che è esempio autentico di turismo sostenibile e valorizzazione del territorio. Due casette realizzate tutte in legno locale per valorizzare la selvicoltura naturalistica ed accendere i riflettori su una corretta tutela del bosco.

puanina tramonto

La Val Canale e l’Alpe di Ugovizza possono anche essere mete per chi ama la storia che, a queste latitudini si è sempre fatta sentire molto viva.
Il suo essere passaggio naturale fra le Alpi l’ha resa spesso zona di incontro e scontro e strategicamente fondamentale sulla via dell’Europa. Qui la storia segreta, scavata e nascosta nelle viscere della terra è stata viva fino al 1992 quando, dopo la caduta del muro di Berlino si è chiuso per sempre le porte di quelle opere bunker (disseminate per chilometri in tutta questa zona di confine fra tre paesi) usate durante la Seconda Guerra Mondiale e la Guerra Fredda.

ALLA SCOPERTA DELLA STORIA SEGRETA DEL NOVECENTO

Il Forte Beisiner che si trova nelle viscere di Ugovizza, situato sul semisconosciuto Vallo Alpino (costruito dal fascismo nel 1938 e che corre nelle viscere della terra da Ventimiglia a Fiume) è una grande caserma bunker sotterranea che sta, grazie all’opera di un gruppo di appassionati tornando alla luce e alla possibilità di visita.



Per maggiori informazioni:

Ufficio IAT di Malborghetto
Via Bamberga 52,
33010 Malborghetto-Valbruna (UD)
Tel. +39 0428 64970
[email protected]